In Legge di Bilancio obbligo di assicurazione eventi catastrofali per le imprese

L’obbligo di stipula di contratti assicurativi da parte delle imprese è previsto entro il 31 dicembre 2024. Per eventi catastrofali si intendono: sismi, alluvioni, eruzioni vulcaniche, fenomeni di bradisismo, frane, inondazioni ed esondazioni

Scarica PDF Stampa
Sismi, alluvioni, eruzioni vulcaniche, fenomeni di bradisismo, frane, inondazioni ed esondazioni sono gli eventi catastrofali ai quali fa riferimento l’articolo 24 della bozza della Legge di Bilancio 2024 che introduce l’obbligo di stipula di contratti assicurativi da parte delle impreseentro il 31 dicembre 2024, a copertura dei danni alle immobilizzazioni materiali direttamente causati da calamità naturali.

A tal fine la Manovra prevede, in favore degli assicuratori e riassicuratori del mercato privato mediante apposita convenzione, una copertura da parte di SACE S.p.A. fino al 50 per cento degli indennizzi a fronte del verificarsi degli eventi di danno previsti in contratto, comunque non oltre ai 5.000 milioni di euro per ciascuno degli anni 2024, 2025 e 2026.

>> Vorresti ricevere news come questa? Clicca qui, è gratis

Precisiamo però che l’articolo della norma è al momento oggetto di analisi da parte del Ministero delle Imprese e del Made in Italy, pertanto potrebbe subire delle modifiche.

Analizziamo nel dettaglio quali sono le misure in materia di rischi catastrofali previste dalla Manovra 2024.

Leggi anche: Fondazione Inarcassa sul Decreto Campi Flegrei: corretto investire in prevenzione sismica

Cosa accade in caso di inadempimento

Le imprese interessate sono quelle con sede legale in Italia e le imprese aventi sede legale all’estero con una stabile organizzazione in Italia, tenute all’iscrizione nel Registro delle imprese.

Al comma 2 dell’articolo viene precisato che in caso di inadempimento dell’obbligo di assicurazione si tiene conto nell’assegnazione di contributi, sovvenzioni o agevolazioni di carattere finanziario a valere sul bilancio dello Stato, anche con riferimento a quelle previste in occasione di eventi calamitosi e catastrofali.

Per l’adempimento dell’obbligo di assicurazione, il contratto prevede un eventuale scoperto (o franchigia assoluta) non superiore al 10-15 per cento del valore dei beni assicurati e l’applicazione di premi proporzionali al rischio.

Potrebbe interessarti: Patologie edilizie nelle costruzioni post allagamenti. Quali precauzioni adottare?

Sanzioni

Si legge poi nel testo dell’articolo interessato che il rifiuto o l’elusione dell’obbligo a contrarre l’assicurazione è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da 200 mila a 1 milione di euro.

Non perderti: Instabilità scarpata per piogge intense con aumento livello di falda: calcolo di un caso studio

Obbligo di assicurazione per gli immobili colpiti dalle calamità naturali: il commento di ISI

Al momento sono le sole imprese ad essere interessate dal provvedimento e non i privati, ma dell’obbligo di assicurazione per gli immobili colpiti dalle calamità naturali se ne era già parlato in occasione degli straordinari eventi alluvionali verificatisi in Emilia Romagna nel maggio del 2023.

L’Ing. Andrea Barocci, Presidente di ISI – Ingegneria Sismica Italiana, aveva dichiarato: “L’assicurazione obbligatoria, per quanto possa apparire come un’ulteriore tassazione, dovrebbe in maniera critica essere confrontata con quanto sostenuto giornalmente da ogni cittadino attraverso le accise sui carburanti inserite nella quantità di 12 centesimi per litro a partire dal 1968”.

Con un comunicato, ISI rimarcava l’importanza dell’istituzione dell’assicurazione obbligatoria sugli immobili privati quale strumento adeguato per far fronte ai danni provocati da calamità naturali, in attesa di efficaci misure di prevenzione che necessitano tempi e procedure più complesse.

Per ISI, un confronto tra assicurazioni in un libero mercato, al pari di quello delle automobili, permetterebbe ai singoli di avere immediato riscontro e consapevolezza -attraverso il premio da pagare- sul livello di sicurezza del proprio immobile.

L’associazione aveva spiegato che l’assicurazione obbligatoria sugli immobili privati pur non rappresentando la soluzione al problema, può essere considerato uno dei possibili passi per avviare un percorso virtuoso e complesso che abbia come meta finale la cultura della prevenzione e della messa in sicurezza di strutture e infrastrutture.

Hai già visitato la sezione Risorse Gratuite di Ediltecnico?
Qui trovi ebook e corsi online utili per la professione

Consigliamo

Nel manuale Valutazione della robustezza di sistemi strutturali e geotecnici di Matteo Felitti e Francesco Oliveto, edito da Maggioli Editore è presente una sezione di approfondimento su come affrontare il problema del dissesto idrogeologico, con focus su:

  • fenomeni da azioni franose, smottamenti e cedimenti
  • colate detritiche e di terra
  • crolli in roccia
  • cedimenti per smottamenti e variazioni del livello di falda
  • instabilità delle scarpate per piogge intense con aumento del livello di falda

Acquistalo qui

Valutazione della robustezza di sistemi strutturali e geotecnici

“Un testo che declina dettagliatamente un concetto che reputo alla base della progettazione strutturale” (Franco Bontempi).“Nel volume non ci si limita ad introdurre in modo semplice la problematica, ma si guida il lettore alla comprensione della risposta strutturale agli eventi inattesi attraverso esempi concreti” (Ivo Caliò)La robustezza di un sistema strutturale e geotecnico è intesa, sostanzialmente, come la capacità di prevenire o ridurre le conseguenze derivanti da un evento locale (eccezionale e/o estremo).Il testo, suddiviso in due parti distinte per un’agevole consultazione, affronta con piglio autorevole e approccio operativo il tema – ancora oggi poco conosciuto – della valutazione del comportamento strutturale attraverso gli indici di robustezza.Tra i molteplici aspetti trattati, il manuale analizza, in dettaglio, il fenomeno del collasso progressivo, le forme con cui può manifestarsi ed i relativi meccanismi di innesco e propagazione, proponendo, poi, esempi di interventi di retrofitting per ottimizzare la risposta strutturale.Inoltre, vengono riportati, in maniera esaustiva, numerose applicazioni numeriche per la stima degli indici di robustezza, con particolare riferimento alle strutture esistenti in c.a., murature e opere geotecniche.Tali casi studio, rappresentano utili strumenti operativi per lo strutturista che si occupa di tali tematiche.Matteo FelittiTitolare dello studio ENGINEERING & CONCRETE CONSULTING, si occupa principalmente di calcolo strutturale, dissesti statici nelle costruzioni esistenti, degrado dei materiali e risoluzione di contestazioni. Cultore di Scienza delle Costruzioni ICAR/08, docente Esterno di “Calcolo Automatico delle Strutture” presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II.Francesco OlivetoIngegnere specializzato nell’ambito strutturale e geotecnico. Collabora con Gruppo Sismica srl per la formazione e lo sviluppo di metodologie di calcolo di strutture in muratura e in c.a. in condizioni di danno pregresso e attuale ai fini della stima della capacità residua.Gli Autori, in collaborazione con STACEC Srl, hanno sviluppato e implementato, nel software FaTA Next, alcuni modelli di degrado per la valutazione degli indicatori di rischio su strutture in calcestruzzo armato con danno inglobato. Tale argomento sarà oggetto di una prossima pubblicazione.

Matteo Felitti, Francesco Oliveto | 2021 Maggioli Editore

59.00 €  56.05 €

Da non perdere

Foto:iStock.com/DavorLovincic

Redazione Tecnica

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento