Flat Tax al 15% per partite Iva fino a 85 mila euro, le novità della Manovra 2023 per i professionisti

Novità per il regime forfettario: la soglia di ricavi e compensi annuali passa da 65 a 85 mila euro. Introdotta inoltre una flat tax incrementale

gloria alberti 29/12/22
Scarica PDF Stampa
Aggiornamento del 29 dicembre 2022: La Legge di Bilancio 2023 è stata approvata dal Senato e pubblicata in Gazzetta Ufficiale (legge 29 dicembre 2022. n. 197 recante “Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2023 e bilancio pluriennale per il triennio 2023-2025”). Le misure descritte in questo articolo sono quindi confermate e in vigore dal 1° gennaio 2023.

La Manovra 2023, insieme alle attese misure contro il caro energia, porta novità anche per il regime forfettario (Flat Tax o “tassa piatta”) per autonomi e partite Iva.

Questo infatti cambierà volto, con l’innalzamento della soglia di ricavi e compensi annuali da 65 a 85 mila euro. Sulla base dei dati del Mef, le partite Iva interessate a entrare nel nuovo regime saranno un po’ più di 100 mila.

>> Vorresti ricevere news come questa? Clicca qui, è gratis

Flat Tax Autonomi a 85 mila euro

Con la nuova Legge di Bilancio per il 2023, la soglia di ricavi e compensi che consente di applicare un‘imposta forfettaria del 15% sostitutiva di Irpef, Irap e Iva, è stata innalzata a 85 mila euro, dai 65 mila attuali.

L’aumento della soglia è accompagnato da una “tagliola anti-evasione”, quindi un meccanismo di espulsione dal regime forfettario per chi “gioca” con fatturati e redditi. Il meccanismo attuale, infatti, consente alle partite Iva di sforare la soglia dei 65 mila euro senza subire ripercussioni fiscali immediate.

Dal 2023, invece, chi avrà compensi o ricavi superiori ai 100 mila uscirà immediatamente dal forfettario, senza aspettare l’anno fiscale seguente (e dovrà anche emettere fatture Iva). Chi invece supererà la nuova soglia degli 85 mila, ma restando sotto ai 100 mila, uscirà dal regime forfettario a partire dall’anno successivo, quindi dal 2024.

Leggi anche Istruttore Tecnico e Istruttore Direttivo Tecnico: i concorsi attivi

Flat Tax incrementale

C’è poi un’altra grossa novità: l’introduzione per i lavoratori autonomi che non aderiscono al regime forfettario perché giudicano più conveniente l’ordinario (e non anche per i dipendenti, come era stato inizialmente pensato) di una flat tax incrementale al 15% con una franchigia del 5% e un tetto massimo di 40 mila euro.

Verrà quindi applicata l’aliquota del 15% su una quota dell’incremento di reddito 2022, paragonato al più alto reddito dichiarato nei tre anni precedenti e assoggettato all’Irpef.

Consigliamo

Guida al regime forfettario per professionisti tecnici – e-Book in pdf

Il regime forfettario è una scelta vincente per chi si appresta ad iniziare la professione o l’attività autonoma.La possibilità di fatturare senza IVA rende più convenienti per i clienti le prestazioni di chi fa questa scelta, e per i primi cinque si pagano le imposte con la tassa ultraridotta al 5%, che sale poi al 15% a regime.Ma come si aderisce a questo regime fiscale privilegiato?L’eBook fornisce tutte le risposte in maniera chiara e semplice, illustrando le regole e i soggetti ammessi (oltre ai casi in cui non è possibile optare per questa opzione).Vengono forniti dei calcoli di convenienza per aiutare a decidere se aderire o meno al forfettario e si spiegano bene gli aspetti relativi al regime IVA, agli obblighi e al meccanismo della flat taxLisa De SimoneEsperta in materia legislativa, si occupa di disposizioni normative e di giurisprudenza di interesse per il cittadino. Collabora da anni con Maggioli Editore, curando alcune rubriche on line di informazione quotidiana con particolare attenzione alle sentenze della Corte di Cassazione in materia fiscale e condominiale.

Lisa De Simone | 2023 Maggioli Editore

14.90 €  12.67 €

E due utili strumenti di calcolo per i professionisti:

Suggeriamo inoltre:

Immagine: iStock/anilakkus

gloria alberti

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento