Cosa fare per ridurre la vulnerabilità sismica della propria abitazione?

Le NTC2018 prevedono interventi strutturali affinché gli edifici non si danneggino per terremoti di bassa intensità, non abbiano danni strutturali per terremoti di media intensità e non crollino in occasione di terremoti forti, pur potendo subire gravi danni

Scarica PDF Stampa
«Cosa posso fare per aumentare la sicurezza sismica della casa?».

«Sono davvero interessato? [oppure è un problema che tengo “congelato” ad un indefinito domani]».

«Quando mai capiterà un terremoto devastante nel mio territorio?».

«Adesso mi conviene investire nel risparmio energetico per ridurre la bolletta del riscaldamento. Oppure ristrutturare gli interni e gli esterni della casa, così acquista più valore ed è più piacevole da vivere».

«Se investo solo in interventi antisismici, che guadagno ne traggo a breve termine?».

>> Vorresti ricevere news come questa? Clicca qui, è gratis

Sono alcune delle riflessioni che spesso accompagnano la scelta della tipologia di ristrutturazione, e relativi incentivi fiscali. L’illusione che il valore di un immobile cresca solo rifacendo il bagno e i pavimenti, adeguando gli impianti, coibentando l’involucro o inserendo pannelli fotovoltaici, assopisce il dibattito sulla reale sicurezza del patrimonio immobiliare italiano, relegata paradossalmente ad una priorità minore. Il terremoto viene ancora percepito dall’opinione pubblica come un evento di probabilità remota, come un accadimento eccezionale, sebbene neppure le Norme Tecniche per le Costruzioni (NTC2018) lo annoverino nelle azioni eccezionali; ed ancora i più recenti terremoti ci ricordino l’urgenza di mettere in sicurezza un patrimonio edilizio particolarmente fragile.

Potrebbe interessarti: Interventi strutturali su edifici esistenti: le valutazioni da fare nel calcolo dei meccanismi locali

Prima del cappotto meglio prevedere un’ispezione strutturale

Gli incentivi fiscali sono stati estesi a qualsiasi settore edilizio, ma negli ultimi anni la grande maggioranza degli interventi incentivati ha riguardato il Bonus Facciate e l’Ecobonus per la rapidità di esecuzione e per l’immediato ritorno economico e di immagine. In questo ultimo periodo di Superbonus 110%, esteso anche al Sismabonus, molti ingegneri hanno raccomandato ai proprietari di pianificare una giusta priorità di intervento sulla loro abitazione.

Prima di mettere il cappotto all’edificio o rifare l’intonaco della facciata per coprire definitivamente lo scheletro statico, occorrerebbe dare precedenza ad una ispezione strutturale per individuare criticità e vulnerabilità sulle quali intervenire in modo preferenziale e definitivo. Senza nulla togliere al doveroso obiettivo del risparmio energetico e della conseguente riduzione delle emissioni inquinanti, necessari al benessere e alla sostenibilità dell’abitazione, tuttavia l’esperienza dei danni rilevati nei crateri sismici conferma come edifici ristrutturati solo nell’immagine edilizia, ma privi di investimento nella riduzione del rischio sismico, abbiano rappresentato un pericolo per l’incolumità delle persone che vivevano all’interno, oltre a ridursi facilmente inagibili e irrecuperabili.

Cosa fare per ridurre la vulnerabilità sismica della propria abitazione? Figura 2
Foto 1_Edificio recentemente ristrutturato ad Amatrice (RI), che ha tuttavia subito gravi danni dal terremoto del 2016 ©Alessandro Grazzini

Non perderti: Vulnerabilità edifici monumentali. Interventi antisismici non sempre efficaci in passato

Come si valuta il rischio sismico?

Il rischio sismico di un territorio è valutabile come la combinazione di pericolosità (P), vulnerabilità (V) ed esposizione (E):

R = P x V x E

La pericolosità (P) sismica è la probabilità che, in un’area e in un certo intervallo di tempo, si verifichi un terremoto che superi una soglia di accelerazione di picco attesa: essa è una caratteristica fisica del territorio, la cosidetta sismicità del sito (mappa sismica italiana), rappresentata dalla frequenza e dalla intensità con cui si manifestano i terremoti.

L’esposizione (E) indica la possibilità che un territorio subisca un danno in termini economici (presenza di attività produttive), in funzione del numero di abitanti (perdite di vite umane), e di beni storico-architettonici in esso contenuti.

La vulnerabilità (V) sismica è la predisposizione di una costruzione a subire danni, strettamente correlata al suo stato di manutenzione, alla progettazione, alla qualità e alla tipologia costruttiva.

Mentre risulta difficile ridurre la pericolosità (P) sismica del territorio e l’esposizione (E) del sito, al contrario l’unico parametro su cui si può intervenire è proprio la vulnerabilità (V), cioè sul miglioramento delle proprietà strutturali della costruzione. La tanto nominata “prevenzione sismica” parla di attenzione che il proprietario dovrebbe avere per far valutare, da tecnico esperto in ingegneria sismica, la vulnerabilità del fabbricato. In questo modo è possibile portare alla luce fattori di criticità della sicurezza, difficilmente visibili dopo la posa delle finiture di una ristrutturazione, e che spesso acquistano un peso importante considerata l’anzianità del patrimonio edilizio esistente. I risultati potranno essere utili a pianificare gli interventi più adatti da eseguire per migliorare sismicamente l’abitazione.

Cosa fare per ridurre la vulnerabilità sismica della propria abitazione? Figura 3
Foto 2_Mappa di pericolosità sismica del territorio italiano in funzione delle accelerazioni massime attese (http://zonesismiche.mi.ingv.it/) ©Alessandro Grazzini

Leggi anche: Sismabonus, come averlo col rinforzo dei solai esistenti

Cosa fare per ridurre la vulnerabilità sismica della propria casa?

Le norme tecniche NTC2018 prevedono interventi strutturali affinché gli edifici non si danneggino per terremoti di bassa intensità, non abbiano danni strutturali per terremoti di media intensità e non crollino in occasione di terremoti forti, pur potendo subire gravi danni. Progettare senza subire danni sarebbe molto oneroso, per cui l’ingegneria sismica e le relative norme tecniche accettano un minimo rischio di danneggiamento ma sempre salvaguardando la vista degli occupanti.

Si può procedere per gradi. Molti lavori di rinforzo possono essere solo puntuali, come l’inserimento di tiranti, il consolidamento di un solaio, le cuciture di lesioni, il rifacimento di una copertura con dettagli antisismici, per fare solo alcuni esempi, molto utili a prevenire i ribaltamenti fuori piano delle pareti che sono i primi e più pericolosi danni sismici a manifestarsi.

Poi ci sono interventi più estesi (e maggiormente performanti per diminuire le classi di rischio), che riguardano l’aumento delle resistenze degli elementi portanti dell’intero scheletro strutturale della casa (murature o elementi in cemento armato). Quest’ultimi appartengono alla categoria del miglioramento sismico, ossia incrementano la resistenza sismica nel piano delle strutture senza tuttavia raggiungere lo stesso livello di sicurezza delle nuove costruzioni (adeguamento sismico). Oggi nuovi materiali e tecnologie permettono di intervenire con maggior leggerezza e meno invasività, e di programmare un cantiere con meno disagi per gli abitanti del fabbricato.

Gli edifici privati di Norcia, per fare un esempio, precedentemente rinforzati in modo efficiente dopo il sisma del 1997, hanno dimostrato che investire in questa direzione conviene. Dopo il terremoto del 2016 sono nuovamente inagibili. Ma non rasi al suolo come quelli di Amatrice. La comunità che li abitava potrà ritornare ad insediarsi nei medesimi luoghi di origine con costi inferiori a quelli della completa demolizione e ricostruzione. E soprattutto, significa aver salvato vite umane.

Cosa fare per ridurre la vulnerabilità sismica della propria abitazione? Figura 4
Foto 3_Edifici residenziali di Norcia (PG) già riparati dopo il terremoto del 1997, rimasti con danni minori dopo il sisma del 2016 ©Alessandro Grazzini

Hai già visitato la sezione Risorse Gratuite di Ediltecnico?
Qui trovi ebook e corsi online utili per la professione

Da non perdere

Consigliamo anche

Costruzioni in muratura portante

Questo manuale è un indispensabile supporto per chi si trova a progettare strutturalmente nuovi edifici in muratura portante o a studiare gli interventi più idonei su un fabbricato esistente in muratura.Più nello specifico, in questo testo dal taglio operativo si descrivono e analizzano le procedure per la progettazione e per l’analisi delle costruzioni in muratura portante. Gli aspetti normativi vengono affrontati trasversalmente, partendo dalle caratteristiche meccaniche dei materiali costituenti la muratura, valutando le varie tipologie costruttive (muratura ordinaria, armata o confinata) e le procedure di calcolo e verifica specifiche caso per caso.La natura pratica del volume è confermata da un dettagliato esempio di analisi e verifica di un edificio in muratura armata di nuova costruzione di due piani fuori terra secondo le NTC 2018 e dal capitolo conclusivo che, nell’ambito delle strutture esistenti in muratura portante, offre una serie di interessanti esempi di interventi di consolidamento e rafforzamento strutturale.Francesco CortesiIngegnere, libero professionista nell’ambito della progettazione e direzione dei lavori strutturali di nuovi fabbricati e di interventi sugli edifici esistenti. Attualmente si occupa di interventi di recupero su edifici danneggiati dal sisma che ha colpito il Centro Italia nel 2016. Collabora inoltre nel ruolo di esperto tecnico presso la Soprintendenza Archeologia, Belle arti e Paesaggio per le Province di L’Aquila e Teramo.Laura LudovisiIngegnere, svolge l’attività di libero professionista, come progettista strutturale, direttore dei lavori e coordinatore per la sicurezza, interessandosi in modo particolare del consolidamento e recupero di edifici esistenti. Tra i lavori svolti si annoverano progetti di miglioramento sismico di edifici danneggiati dal sisma (Umbria 1997, L’Aquila 2009, Emilia-Romagna 2012, Centro Italia 2016). Dal 2019 collabora come supporto specialistico nell’ambito della “Segreteria Tecnica di Progettazione” dell’Ufficio del Soprintendente speciale per le aree colpite dal sisma 2016.

Francesco Cortesi, Laura Ludovisi | 2023 Maggioli Editore

34.00 €  32.30 €

Foto di copertina: edificio residenziale gravemente danneggiato a Visso (MC) a seguito del terremoto Centro Italia 2016 ©Alessandro Grazzini

Alessandro Grazzini

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento