Cessione credito Bonus 75%: ANFIT rinnova convenzioni per i progetti ancora agevolabili

Il rinnovo delle convenzioni bancarie per la cessione del credito relativo al Bonus 75% interessa tutti i progetti che rientrano nelle casistiche ancora valide secondo il Decreto Legge 212/2023

Scarica PDF Stampa

ANFIT, l’Associazione Nazionale per la Tutela della Finestra Made in Italy, ha rinnovato le convenzioni bancarie per la cessione del credito relativo al Bonus Barriere 75%. Questo importante aggiornamento riguarda tutti i progetti che rientrano nelle casistiche valide secondo il Decreto Legge 212/2023.

È importante sottolineare che nonostante l’esclusione dei serramenti ed infissi dal Bonus Barriere 75% secondo il decreto-legge sopracitato, ci sono ancora delle possibilità per beneficiare di questo incentivo. Vediamo meglio nel dettaglio come è cambiata l’agevolazione a partire dal 1° gennaio 2024, chi può ancora usufruire delle regole ante-Decreto e cosa comporta il rinnovo delle convenzioni bancarie per la cessione del credito da parte di ANFIT.

>> Vorresti ricevere news come questa? Clicca qui, è gratis

Indice

Bonus Barriere 75%: cosa cambia dal 1° gennaio 2024

Con l’entrata in vigore del decreto legislativo n. 212/2023, l’articolo 3 conferma importanti modifiche alla detrazione del 75% per lavori finalizzati all’eliminazione di barriere architettoniche. La detrazione si applica ora solo agli interventi su scale, rampe, ascensori, servoscala e piattaforme elevatrici in edifici esistenti. Non è più possibile richiederla per altri lavori, inclusi quelli di automazione degli impianti.

Nuove regole impongono il pagamento con bonifico parlante e richiedono l’asseverazione di tecnici abilitati per garantire il rispetto dei requisiti del decreto n. 236/1989. Gli importi massimi rimangono invariati: 50 mila euro per edifici unifamiliari o unità in edifici plurifamiliari, 40 mila euro (moltiplicati per unità) per edifici da due a otto unità, e 30 mila euro (moltiplicati per unità) per edifici con oltre otto unità immobiliari. Queste misure mirano a disciplinare e controllare i benefici fiscali, garantendo l’adeguato uso delle risorse nell’ambito delle modifiche architettoniche per favorire l’accessibilità degli ambienti.

Chi può ancora usufruire delle precedenti regole

ANFIT ribadisce chi può ancora usufruire del Bonus Barriere 75%, elencando una serie di criteri che permettono di essere ammessi, ovvero:

  • presenza di titolo abilitativo protocollato antecedente all’entrata in vigore del DL 212/2023;
  • presenza di accordo vincolante tra le parti e bonifico ricevuto prima dell’entrata in vigore del DL 212/2023;
  • presenza di autocertificazione della data inizio lavori antecedente all’entrata in vigore del DL 212/2023 sottoscritta dalle parti.

ANFIT rinnova le convenzioni cessione credito: cosa comporta?

Con un comunicato stampa, ANFIT comunica il rinnovo delle convenzioni per la cessione del credito per tutti i progetti che rientrano nelle casistiche valide per il Bonus 75%.

Ciò significa che le Aziende convenzionate hanno la possibilità di rivolgersi agli istituti bancari Intesa Sanpaolo e Crédit Agricole, con i quali ANFIT ha confermato le convenzioni per tutto il 2024, per la cessione dei crediti derivanti dall’agevolazione.

In conclusione, grazie al rinnovo delle convenzioni bancarie da parte di ANFIT ed alla possibilità di accedere al Bonus Barriere 75% attraverso i criteri sopra elencati, le Aziende convenzionate possono continuare a beneficiare di importanti incentivi per i loro progetti legati alle finestre Made in Italy.

FORMATO EBOOK

Barriere architettoniche: guida alle agevolazioni fiscali 75% – eBook in pdf

Le detrazioni fiscali fino al 75% dei costi per gli interventi di abbattimento delle barriere architettoniche sono una opzione concreta, profondamente rivista dopo la conversione in legge del decreto n. 212/2023.La presente guida fornisce tutte le indicazioni sulle tipologie di interventi ammessi alle detrazioni con l’indicazione delle regole e delle procedure da seguire per richiedere l’agevolazione, compresa l’applicazione dell’IVA al 4%.L’opera contiene infine 35 casi risolti e i modelli per l’Asseverazione tecnica del rispetto dei requisiti dell’intervento agevolato.Lisa De SimoneEsperta in materia legislativa, si occupa di disposizioni normative e di giurisprudenza di interesse per il cittadino. Collabora da anni con Maggioli Editore, curando alcune rubriche on line di informazione quotidiana con particolare attenzione alle sentenze della Corte di Cassazione in materia fiscale e condominiale.  

Lisa De Simone | Maggioli Editore 2024

Redazione Tecnica

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento