Il Bonus Mobili spetta solo per gli acquisti destinati all’immobile ristrutturato

Il Bonus Mobili vale anche per acquisti destinati a un immobile diverso da quello su cui sono stati eseguiti interventi di recupero edilizio? No. I dettagli

gloria alberti 21/12/23
Scarica PDF Stampa
Continuano sulla rubrica di FiscoOggi i chiarimenti sui vari Bonus Edilizi, chiarimenti particolarmente rilevanti perché giungono direttamente dalla rivista online dell’Agenzia delle Entrate.

Questa volta è il turno del Bonus Mobili ed Elettrodomestici: è possibile utilizzarlo per acquistare prodotti non destinati all’arredo dell’immobile su cui sono stati eseguiti interventi di recupero edilizio? La risposta è un secco no, vediamo il perché.

>> Vorresti ricevere news come questa? Clicca qui, è gratis

Non si tratta di una novità, ma a seguito di una recente vicenda, Entrate ha voluto specificare e ribadire che il Bonus Mobili – che, lo ricordiamo, consente di portare in detrazione sulla propria dichiarazione dei redditi il 50% delle spese per l’acquisto di arredi e grandi elettrodomestici, per un limite di spesa di 8 mila euro per il 2023, e 5 mila euro per il 2024 – spetta “solo se il contribuente dimostra che gli arredi (o gli elettrodomestici) sono destinati all’immobile nel quale sono effettuati gli interventi di recupero edilizio” (quelli che danno diritto al Bonus Ristrutturazione 50%, per intenderci, perché ricordiamo che Bonus Mobili ed Ecobonus non sono invece compatibili).

Il fatto recente riguarda la notifica di un avviso di liquidazione (ex articolo 36-ter, Dpr n. 600/1973), con cui, in rettifica della dichiarazione per il 2013, veniva richiesto a un contribuente il pagamento di maggiori imposte oltre accessori, in relazione a detrazioni per spese di ristrutturazione e arredo.

Leggi anche Bonus Edilizi: riepilogo per l’anno 2024

La contestazione del contribuente, andata avanti in vari step, si è conclusa con una sentenza di rigetto, oltre che di condanna al pagamento delle spese di giudizio (>> per i dettagli sulla vicenda, controversa, rimandiamo direttamente a FiscoOggi).

La conclusione è che, affinché possa essere riconosciuto il Bonus Mobili ed Elettrodomestici, il contribuente deve poter dimostrare che sussistono tutti i presupposti per poter beneficiare della detrazione fiscale. In particolare, è necessario quindi poter dimostrare che i mobili o gli elettrodomestici “sono destinati all’arredo dell’immobile nel quale sono effettuati gli interventi di recupero edilizio, di cui all’articolo 16-bis del Tuir, che danno diritto all’agevolazione”.

Nessun problema invece se i mobili e gli elettrodomestici acquistati sono destinati ad arredare un ambiente diverso dello stesso immobile oggetto di intervento edilizio, oppure quando i beni acquistati sono destinati ad arredare l’immobile ma l’intervento cui è collegato l’acquisto viene effettuato su una pertinenza dell’immobile stesso, anche se accatastata autonomamente, come si legge nero su bianco sulla guida di Entrate al Bonus Mobili.

Leggi anche Bonus edilizi, come compilare il 730/2023 con le detrazioni

Ricordiamo che l’Agenzia può svolgere attività di controllo sulle dichiarazioni dei contribuenti, e questa può essere eseguita mediante invito, anche telefonico, diretto al contribuente o al suo sostituto (ad esempio il CAF), al fine di ottenere i chiarimenti richiesti.

Consigliamo

I bonus casa 2024: guida alle agevolazioni e alle detrazioni in edilizia – e-Book in pdf

Questo pratico eBook si rivolge ai cittadini, ai professionisti e a chiunque voglia essere aggiornato e informato sulle agevolazioni fiscali per la casa e l’edilizia valide per il 2024 e per i prossimi anni.Risponde a diverse domande. Quali sono i bonus sono ancora disponibili, se si desidera iniziare i lavori dal 1° gennaio 2024? Quali interventi edilizi sono agevolabili e con quali massimali di spesa? Quali sono le scadenze imminenti e quali quelle più a lungo respiro?Si illustrano i meccanismi dello sconto in fattura e della cessione del credito, indicando per ognuno di questi strumenti a quali bonus possono essere applicati e con quali modalità e accortezze.Il testo è aggiornato alle norme del decreto 212/2023 (c.d. Decreto SuperBonus) e propone diverse decine di casi studio e di quesiti risolti, che abbracciano tutti i tipi di bonus attualmente disponibili: il “vecchio” 110% ancora disponibile per una platea selezionata di utenti; il “nuovo” Super Bonus con le regole attuali; il Bonus Casa 50%; l’Ecobonus al 50%-65%; il bonus 75% per l’abbattimento delle barriere architettoniche; il Sisma Bonus per il miglioramento della sicurezza statica e strutturale degli edifici. Vengono presi in considerazione anche i bonus “accessori” come il Bonus Mobili e il Bonus Verde.Il testo è arricchito da numerose tabelle di riepilogo e chiarimento che guidano il lettore e lo aiutano ad orientarsi nel complesso mondo delle detrazioni edilizie e dei bonus collegati.Antonella DonatiÈ giornalista professionista, ha al suo attivo diversi anni di giornalismo parlamentare con particolare attenzione all’approvazione delle misure di carattere finanziario e alle manovre di bilancio. In questo ambito si occupa espressamente di tematiche fiscali, contributive e previdenziali. È autrice di numerosi volumi, articoli e saggi in materia  

Antonella Donati | 2024 Maggioli Editore

18.90 €  16.07 €

Immagine: iStock/Phiwath Jittamas

gloria alberti

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento