Vetrate Panoramiche Amovibili VEPA: cosa prevede il Decreto Salva-Casa

Con l’approvazione in CdM del Decreto Salva-Casa, queste strutture vengono formalmente incluse tra gli interventi di edilizia libera, semplificando notevolmente il processo di installazione

Scarica PDF Stampa

Il decreto legge Salva-Casa è in Gazzetta, clicca qui per conoscere le modifiche al TUE. Le Vetrate Panoramiche Amovibili (VEPA) rappresentano una soluzione per migliorare l’efficienza energetica e acustica degli edifici senza compromettere l’estetica e la funzionalità degli spazi abitativi.

Ricordiamo che la Legge 142/2022 di conversione del Decreto Legge 115/2022 ha introdotto una norma (articolo 33 quater) che liberalizza sotto il profilo edilizio
l’installazione
delle VEPA su balconi e logge. La norma, in vigore dal 22 settembre 2022, va ad integrare l’art. 6 del Dpr 380/2001 , Testo Unico Edilizia, in tema di attività edilizia libera.

Con l’approvazione in CdM del Decreto Salva-Casa, queste strutture vengono formalmente incluse tra gli interventi di edilizia libera, semplificando notevolmente il processo di installazione.

Di seguito esaminiamo in dettaglio cosa prevede il Decreto Salva-Casa (del quale è stata diffusa una bozza) a proposito delle VEPA.

>> Vorresti ricevere news come questa? Clicca qui, è gratis

Da non perdere

FORMATO CARTACEO + ILIBRO

Il Testo Unico dell’Edilizia: attività edilizia e titoli abilitativi dei lavori

Il T.U.E. ha subito, negli anni, una serie di modifiche radicali.  L’opera, abbinando il dovuto rigore ad un taglio operativo, permette di individuare, per ogni singolo articolo, la norma e la giurisprudenza vigente tempo per tempo. Ciò risulta particolarmente utile, per esempio, ove sia necessario verificare il rispetto delle norme vigenti in un dato arco temporale al fine di stabilire la regolarità del manufatto (elemento peraltro necessario per poter godere dei Superbonus fiscali). L’opera è indirizzata ai professionisti tecnici costretti a confrontarsi quotidianamente con norme di difficile interpretazione anche per gli esperti. Il manuale esamina dettagliatamente la prima parte del Testo Unico dell’edilizia (articoli 1-51) focalizzata sull’attività edilizia e sui titoli abilitativi e presenta una serie di peculiarità che la differenziano da lavori analoghi:- ogni articolo presenta il testo vigente e la versione storica, indicando la norma intervenuta;- gli articoli sono arricchiti da un commento e da oltre 2.000 riferimenti giurisprudenziali;- la giurisprudenza riporta: il riferimento (organo giudicante, Sezione, data e numero), un titolo per orientare il lettore e la massima. Il testo del codice è aggiornato con oltre 35 provvedimenti legislativi a partire dalla legge Lunardi fino al decreto Semplificazioni. In appendice sono presenti le c.d. definizioni standardizzate e il quadro dei principali lavori edilizi secondo la riforma Madia.   Donato Palombellasi è laureato in Giurisprudenza (laurea quadriennale) con il massimo dei voti e plauso della commissione, discutendo una tesi in Diritto amministrativo. Ha un Master per Giuristi d’Impresa ottenuto presso l’Università di Bologna con specializzazione in opere pubbliche; successivamente ha seguito numerosi corsi specialistici su temi giuridici, economici e finanziari. Ha acquisito esperienza ultra trentennale nel Diritto immobiliare, prima all’interno di studi professionali e poi in aziende operanti nel settore edile-immobiliare. Collaboratore storico di numerose testate specialistiche di rilevanza nazionale, partecipa al comitato scientifico di alcune riviste giuridiche. È autore di numerose opere in materia di Edilizia, Urbanistica, Tutela del consumatore in ambito immobiliare, Contrattualistica immobiliare e Condominio presenti presso le principali biblioteche universitarie e dei Consigli regionali.

Donato Palombella | Maggioli Editore 2021

Indice

Le VEPA nel Decreto Salva-Casa

Il Decreto Salva-Casa, approvato il 24 maggio 2024 in Consiglio dei Ministri, introduce importanti novità in materia di semplificazione edilizia e urbanistica. Uno degli obiettivi principali del decreto è incentivare il recupero del patrimonio edilizio esistente, semplificare le procedure di sanatoria e ridurre il consumo del suolo.

Con il nuovo Decreto le VEPA vengono riconosciute come interventi di edilizia libera, ossia opere che non richiedono specifici permessi o comunicazioni per la loro realizzazione, purché rispettino determinate condizioni tecniche e costruttive. Vediamo quali sono.

Requisiti tecnici ed estetici delle VEPA

Le VEPA sono strutture completamente trasparenti e amovibili, installate su logge, balconi e porticati rientranti all’interno dell’edificio. La loro funzione primaria è proteggere dagli agenti atmosferici, migliorare le prestazioni acustiche ed energetiche e ridurre le dispersioni termiche.

Tuttavia, queste strutture devono garantire una microaerazione naturale e non devono configurare spazi stabilmente chiusi con conseguente variazione di volumi e di superfici, come definiti dal regolamento edilizio-tipo, che possano generare nuova volumetria o comportare il mutamento della destinazione d’uso dell’immobile anche da superficie accessoria a superficie utile.

Per essere considerate come edilizia libera, le VEPA devono rispettare precisi requisiti tecnici ed estetici.

  • Impatto visivo minimo: le strutture devono avere un profilo estetico che riduca al minimo l’impatto visivo e l’ingombro apparente, preservando le linee architettoniche preesistenti.
  • Assenza di nuova volumetria: le VEPA non devono configurare spazi stabilmente chiusi né creare nuova volumetria.
  • Microaerazione: devono favorire la circolazione di un flusso costante di aria, garantendo la salubrità degli spazi interni.

I vantaggi delle VEPA

L’inclusione delle VEPA tra gli interventi di edilizia libera porta con sé diversi vantaggi:

  • semplificazione delle procedure: non richiedendo permessi specifici, l’installazione delle VEPA diventa più rapida e meno onerosa per i proprietari di immobili;
  • efficienza energetica: le VEPA contribuiscono a ridurre le dispersioni termiche, migliorando l’efficienza energetica degli edifici;
  • protezione dagli agenti atmosferici: offrono una protezione efficace contro la pioggia e il vento, migliorando il comfort abitativo;
  • valorizzazione degli immobili: migliorando le prestazioni energetiche e acustiche, le VEPA possono aumentare il valore degli immobili.

Redazione Tecnica

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento