Estate senza stress in condominio: le linee guida dell’ANAMMI

Consigli pratici per evitare guasti, litigi in condominio e garantire la sicurezza

Scarica PDF Stampa

In condominio, durante l’estate, i problemi non vanno in vacanza.

Per affrontare al meglio la stagione calda, l’ANAMMI (Associazione Nazional-europea AMMinistratori d’Immobili) ha stilato una serie di consigli utili per prevenire guasti e ladri, evitando liti tra vicini ed urgenze tecniche.

Questi suggerimenti sono pensati per sostenere l’operato degli amministratori associati e allo stesso tempo, tutelare i condòmini.

Seguire questi consigli dell’ANAMMI può aiutare a vivere un’estate serena e senza problemi in condominio. La collaborazione tra amministratori e condòmini è fondamentale per garantire il benessere di tutti durante la stagione calda.

Vediamo di seguito quali sono le regole da seguire.

>> Vorresti ricevere news come questa? Clicca qui, è gratis

Indice

Un vademecum sull’estate in condominio

Giuseppe Bica, presidente dell’ANAMMI, sottolinea l’importanza della preparazione: “In coincidenza con la stagione calda, il professionista serio deve organizzarsi, in modo da prevenire brutte sorprese durante il periodo feriale. È quindi necessario adottare alcune contromisure, che si basano su precise regole di comportamento, puntando sulla collaborazione degli stessi condòmini”.

L’amministratore, in vista delle vacanze dei suoi amministrati, dovrà fornire raccomandazioni chiare, specialmente sulla gestione tecnica della vita in comune.

“A tale scopo, potrebbe comunicare il vademecum sull’estate in condominio in bacheca condominiale, sul suo sito web o nella chat di condominio”, aggiunge Bica.

Prevenzione dei guasti

Durante l’estate è fondamentale prevenire guasti all’impianto elettrico.

“Il mini-blackout, purtroppo, sta diventando un classico del periodo estivo – ricorda il presidente dell’ANAMMI – per questo motivo, prima di partire in vacanza, è bene staccare la corrente elettrica o, se non è possibile, scollegare tutte le spine di tv, computer e telefono”. Questo accorgimento è importante anche per prevenire danni causati dai fulmini, un rischio crescente con i fenomeni meteorologici violenti. Inoltre, è consigliabile vuotare il freezer per evitare spiacevoli sorprese in caso di blackout.

Altri accorgimenti preventivi includono la chiusura dell’interruttore dell’acqua e l’eliminazione dei rifiuti domestici, che potrebbero causare cattivi odori e attirare insetti.

Sicurezza e antifurto

Particolare attenzione va riservata all’impianto di antifurto. “Una sirena impazzita durante le vacanze fa male sia al proprietario di casa che ai suoi vicini – sottolinea Bica – per prevenire questi problemi, è utile appendere sulla porta il numero dell’azienda installatrice, consentendo ai condòmini di risolvere in fretta l’inconveniente. Inoltre, questa pratica funziona da deterrente per i malintenzionati”.

Una raccomandazione semplice ma efficace è quella di chiudere sempre il portone e il cancello d’ingresso del condominio, un accorgimento che d’estate, complice il caldo, tende a essere dimenticato.

Convivialità e tolleranza

La stagione estiva aumenta le occasioni conviviali, soprattutto di sera. Le opportunità di incontro si moltiplicano. “È giusto affidarsi a un po’ di sana tolleranza, ma questo può non bastare per prevenire dissidi sui rumori notturni – ricorda Bica – il consiglio valido per tutti è di avvisare sempre i condòmini se si organizza una festa o una cena con tante persone, scusandosi in anticipo per il possibile disturbo arrecato. Se poi si invitano i vicini, meglio ancora”.

Amministratore in ferie

Le raccomandazioni dell’ANAMMI sono valide anche per gli amministratori di condominio che partono per le ferie. “Questo, però – afferma il presidente Bica – non significa dimenticare le esigenze degli immobili che si gestiscono.

Prima di partire, l’amministratore dovrà tutelare i condòmini dalla possibilità di guasti come l’ascensore rotto, la chiave spezzata nel portone o la piscina condominiale con problemi di depurazione. Sarà quindi stilata una comunicazione ad hoc con la lista delle aziende e dei professionisti cui ci si rivolge normalmente per riparazioni e manutenzioni, con i relativi recapiti.

Nella stessa lista ci saranno anche i “numeri utili”, come quello dei vigili del fuoco.

Diverso è il caso dell’immobile che può contare sulla presenza di un portinaio. “Sarà l’addetto alla portineria, in quel caso, ad interpellare le ditte interessate, basandosi sullo stesso elenco dell’amministratore. Se invece l’amministratore lavora in uno studio professionale, potrà fornire un suo referente temporaneo”.

Dal comunicato stampa a cura di Silvia Cerioli, ufficio stampa ANAMMI

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento