Tolleranze in zona sismica: cosa prevede il nuovo Decreto Salva-Casa

L’intento a snellire la regolarizzazione delle piccole difformità edilizie potrebbe nascondere tuttavia qualche insidia nell’asseverazione in zone ad alta e media sismicità, che richiedono attenzione e maggiore responsabilità a carico del tecnico professionista

Scarica PDF Stampa

 Il Decreto Legge 69/2024, cosiddetto Salva Casa pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 29/05/2024, introduce la possibilità di regolarizzare una serie di lievi difformità dei fabbricati esistenti rispetto al titolo abilitativo presentato in Comune. Non si tratta di una forma di condono, bensì di uno strumento normativo per mettere in regola pareti, finestre, balconi, aperture e quant’altro possa essere stato eseguito con lievi difformità senza pregiudicare le norme edilizie-urbanistiche e l’agibilità del fabbricato.

A titolo esemplificativo ma non esaustivo, ricadono tra le difformità regolarizzabili dal Decreto Salva Casa tutte quelle di lieve entità di tipo formale (derivanti da incertezze interpretative), edilizie interne (tolleranze) risultanti da interventi stratificati nel tempo, difformità esecutive caratterizzanti lievi variazioni nelle dimensioni (muri esterni ed interni), differente ubicazione delle aperture, errori progettuali corretti in cantiere o errori di rappresentazione progettuale delle opere. Risulta evidente come dal Decreto rimanga esclusa ogni possibilità di sanare abusi edilizi più gravi eseguiti in totale difformità dal permesso di costruire o di SCIA straordinaria, ovvero in assenza dei necessari titoli edilizi tale da compromettere la compravendita dell’immobile.

Le misure del D.L. Salva Casa risultano già in vigore dal 30 maggio 2024, diventando subito operative le modifiche apportate ad alcuni articoli del D.P.R. 380/2001 (Testo Unico dell’Edilizia – T.U.E.). In particolare, l’art. 34-bis del T.U.E. (disciplina sulle tolleranze costruttive) prevedeva una tolleranza unica pari al 2% di quanto previsto nel titolo abilitativo (in merito all’altezza, ai distacchi, alla cubatura, alla superficie coperta e ogni altro parametro delle singole unità immobiliari – u.i.), mentre adesso viene incrementata in misura inversamente proporzionale alla superficie, fino ad arrivare al 5% per u.i. inferiori a 100 mq, purché si tratti di difformità eseguite prima del 24 maggio 2024.

>> Vorresti ricevere approfondimenti come questo? Clicca qui, è gratis

Da non perdere

FORMATO EBOOK

Decreto Salva Casa: commento, guida e riflessioni tecnico-giuridiche

COMPRESO NEL PREZZO L’AGGIORNAMENTO GRATUITO POST CONVERSIONE IN LEGGE (disponibile da settembre) Questo eBook è un manuale pratico di rapida consultazione e approfondimento sulle verifiche da effettuarsi nelle fasi preliminari progettuali di interventi edilizi su edifici esistenti: procedure edilizie, verifica della conformità, analisi vincolistiche, pianificazione delle complessità, individuazione delle criticità. Il presente testo, di commento e approfondimento del decreto n. 69/2024 (c.d. Decreto Salva Casa), è scritto a quattro mani da un avvocato esperto di diritto amministrativo, con particolare riguardo all’ambito urbanistico-edilizio ma non solo, e da un tecnico appassionato della teoria ma anche e soprattutto della pratica delle procedure amministrative: assieme, sviluppano il presente testo che vuole dare al lettore una visione del decreto che sia più ampia possibile, sia per quanto attiene l’ambito più strettamente pratico, ma senza dimenticare che, in Italia, ogni istanza edilizia, anche quella che può apparire più semplice, è in verità sovrastata da un grande insieme di norme che vegliano sui più disparati ambiti. Marco CampagnaArchitetto libero professionista. Nel corso degli anni ha avuto modo di approfondire i temi dell’urbanistica applicata agli interventi edilizi, sia svolgendo pratiche in prima persona, sia operando come consulente o come perito, sia per conto di privati che per società, eseguendo parallelamente progettazioni e direzioni lavori per diversi interventi di recupero e di valorizzazione immobiliare. È attualmente componente della Commissione Urbanistica dell’Ordine degli Ingegneri di Roma, formatore e docente in svariati corsi di aggiornamento e approfondimento professionale presso il medesimo Ordine e presso altre realtà. Andrea Di LeoAvvocato, opera nel diritto amministrativo, con particolare riferimento ai settori dell’urbanistica e dell’edilizia, anche in relazione ai profili vincolistici. Si occupa, inoltre, dei profili regolatori ed amministrativi relativi a ricettività, commercio e somministrazione, di appalti pubblici nonché dei profili amministrativi e regolatori dei settori innovativi (startup, sharing economy, mobilità e trasporti). Svolge attività di docenza (nell’ambito di Master Universitari) e formazione. È Membro della Società Italiana degli Avvocati Amministrativisti e Co-founder di Legal Team.

Marco Campagna, Andrea Di Leo | Maggioli Editore 2024

Indice

La responsabilità del tecnico asseveratore

La verifica dovrà avvenire mediante asseverazione del tecnico professionista, a cui spetta la responsabilità della veridicità di quanto dichiarato e depositato presso gli sportelli edilizi competenti. Il Decreto, infatti, concentra una grande responsabilità sulle spalle del tecnico asseveratore, non solo nel merito delle verifiche geometriche. Perché viene altresì introdotto il comma 3 bis all’interno dell’art. 34-bis del T.U.E., che richiama l’attenzione anche sull’influenza che lievi difformità potrebbero avere all’interno di aree ad elevata e media sismicità (zone 1-2-3):

«3-bis. Per le unità immobiliari ubicate nelle zone sismiche di cui all’articolo 83, ad eccezione di quelle a bassa sismicità all’uopo indicate nei decreti di cui all’articolo 83, il tecnico attesta altresì che gli interventi di cui al presente articolo rispettino le prescrizioni di cui alla sezione I del Capo IV della Parte II. Tale attestazione, corredata dalla documentazione tecnica sull’intervento predisposta sulla base del contenuto minimo richiesto dall’articolo 93, comma 3, è trasmessa allo sportello unico per l’acquisizione dell’autorizzazione dell’ufficio tecnico regionale secondo le disposizioni di cui all’articolo 94, ovvero per l’esercizio delle modalità di controllo previsto dalle regioni ai sensi dell’art. 94-bis, comma 5, per le difformità che costituiscano interventi di minore rilevanza o privi di rilevanza di cui comma alle lettere b) e c) del comma 1 del medesimo articolo 94-bis. Il tecnico abilitato allega alla dichiarazione di cui al comma 3 l’autorizzazione di cui all’articolo 94, comma 2 o l’attestazione circa il decorso dei termini del procedimento rilasciata ai sensi dell’articolo 94, comma 2-bis ovvero, in caso di difformità che costituiscono interventi di minore rilevanza o privi di rilevanza, una dichiarazione asseverata circa il decorso del termine del procedimento per i controlli regionali in assenza di richieste di integrazione documentale o istruttorie inevase e di esito negativo dei controlli stessi.»

Difformità nelle zone di alta e media sismicità

Nelle zone ad alta e media sismicità non è sufficiente che le lievi difformità siano comprese all’interno delle tolleranze di misura previste dal Decreto Salva Casa. Occorre altresì che il tecnico professionista abbia adeguate competenze strutturali per valutare se tali lievi difformità pregiudichino la sicurezza strutturale e quindi l’incolumità pubblica ai sensi di quanto previsto dall’attuale normativa tecnica antisismica.

In questi casi, il tecnico attesta che tali interventi rispettano le prescrizioni del T.U.E. per le costruzioni in zone sismiche (contenute nella sezione I del Capo IV della Parte II del medesimo TUE). Per fare alcuni esempi non esaustivi, l’apertura in un solaio per il passaggio di una scala interna, l’apertura o ampliamento di una finestra su una parete portante in muratura, il rifacimento parziale dell’orditura di un solaio o della copertura, dovranno essere valutate se rispondenti ai requisiti di sicurezza sismica richiesti dalle Norme Tecniche per le Costruzioni (NTC2018).

In alcuni casi potrebbe trattarsi di difformità senza implicazioni strutturali, ad esempio l’apertura di una finestra su un tamponamento. In altre situazioni, invece, le verifiche strutturali potrebbero richiedere il deposito semplificato delle opere prive di rilevanza oppure il deposito completo per opere ai sensi del par. 8.4 delle NTC2018 e delle normative regionali (interventi privi di rilevanza, interventi locali, miglioramento o adeguamento sismico), comprensive di tutta la documentazione tecnico-descrittiva ai sensi degli art. 93-94 del T.U.E.: piante, prospetti e sezioni, relazione tecnica e di calcolo. L’autorizzazione dell’ufficio tecnico regionale o la dichiarazione del decorso dei termini procedimentali in assenza di esito negativo, richieste di integrazione o istruttorie inevase (procedura prevista all’art. 94-bis del TUE) dovranno essere allegate dal tecnico professionista alla dichiarazione ai fini dello stato legittimo degli immobili.

In attesa di conoscere eventuali ulteriori modifiche o conferme del testo normativo derivanti dall’iter parlamentare di approvazione del D.L. 69/2024 (entro 60 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale), si evince tuttavia come l’attività di verifica e asseverazione delle tolleranze richieda in alcuni casi anche competenze di ingegneria strutturale ad identificare eventuali implicazioni sulla sicurezza strutturale. L’intento a snellire la regolarizzazione delle piccole difformità edilizie potrebbe nascondere tuttavia qualche insidia nell’asseverazione in zone ad alta e media sismicità, che richiedono attenzione e maggiore responsabilità a carico del tecnico professionista.

Iscriviti alla newsletter Tolleranze in zona sismica: cosa prevede il nuovo Decreto Salva-Casa aoqzlwlnnk1v21gh
Iscrizione completata

Grazie per esserti iscritto alla newsletter.

Seguici sui social


Consigliamo la lettura

FORMATO CARTACEO

Valutazione sismica e tecniche di intervento per edifici esistenti in c.a.

La seconda edizione di questo volume, rivisitata integralmente e arricchita con nuovi esempi pratici, fornisce agli ingegneri strutturisti e a tutti quei professionisti che, in generale, operano nell’ambito della valutazione sismica degli edifici esistenti in cemento armato, gli strumenti necessari per effettuare in modo ancora più consapevole le opportune verifiche di sicurezza sismica secondo la normativa vigente. A tal proposito sono discusse le più appropriate strategie di modellazione/analisi strutturale in ambito non lineare sia statico (pushover) che dinamico (time-history). Vengono inoltre trattate le più diffuse tecniche di intervento per la riabilitazione delle strutture esistenti in cemento armato gettate in opera e prefabbricate, ricorrendo anche ad esempi di modellazione numerica di alcuni interventi di adeguamento/miglioramento sismico. Nel testo si fa riferimento alla versione aggiornata delle Norme Tecniche per le Costruzioni – ossia le NTC 2018 – e alla relativa circolare esplicativa (Circolare 21 gennaio 2019 n. 7). Rui Pinho Ingegnere, professore ordinario presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università di Pavia, socio fondatore delle società Seismosoft e Mosayk, è autore di innumerevoli pubblicazioni scientifiche sul tema della valutazione del rischio sismico di strutture esistenti. Federica Bianchi Ingegnere, socio fondatore e CEO di Mosayk srl, svolge la libera professione con particolare attenzione alla valutazione della vulnerabilità sismica di edifici in cemento armato. Roberto Nascimbene Ingegnere, professore associato presso lo IUSS Pavia, socio fondatore di Mosayk srl, ha approfondito particolarmente le tematiche della modellazione numerica avanzata nel campo dell’ingegneria civile.

Rui Pinho, Federica Bianchi, Roberto Nascimbene | Maggioli Editore 2022

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento