Sicurezza sul lavoro, vittime e infortuni in crescita: settore delle costruzioni il più colpito

Sono 369 le vittime sul lavoro (+3,1% rispetto al 2023), di cui 57 nel settore delle costruzioni, quello più colpito. Vediamo i dati degli infortuni sul lavoro, le regioni in zona rossa e le fasce di lavoratori più a rischio

Scarica PDF Stampa Allegati

Giunti ormai a metà anno, è possibile fare un bilancio sull’incidenza degli infortuni sul lavoro, bilancio che purtroppo non è positivo: sono 369 le vittime sul lavoro (286 in occasione di lavoro e 83 in itinere), 11 in più rispetto al 2023 (+3,1%), di cui 57 nel settore delle costruzioni, quello più colpito in assoluto. In zona rossa Valle D’Aosta, Trentino-Alto Adige, Umbria, Campania, Emilia-Romagna, Sicilia e Puglia; il Veneto è la regione che registra l’incidenza di mortalità più bassa.

Continua a crescere anche il numero delle denunce di infortunio complessive (mortali e non): +2,1% rispetto a maggio 2023. È questo in sintesi quanto riportato dall’analisi dell’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro e Ambiente Vega Engineering di Mestre. Vediamo meglio questi dati.

Indice

Consigliamo:

FORMATO CARTACEO

Manuale “Smart” della Sicurezza per i Cantieri Edili

Questo testo è un manuale pratico, completo di tutte le informazioni fondamentali sull’argomento della sicurezza in cantiere che ha l’obiettivo di essere agevolmente fruibile nella sua consultazione da tutti i soggetti coinvolti: dalla committenza al coordinatore, passando per i lavoratori autonomi e, naturalmente, la direzione lavori. Anche lo “schema” editoriale vuole essere snello ma, al contempo, esaustivo: per ogni figura ci si è voluti immedesimare negli obblighi e nelle conseguenti difficoltà di adempimento di ogni ruolo coinvolto, sintetizzandone i doveri, schematizzandone gli obblighi e le relative conseguenze penali e rinviando alle appendici (ed ovviamente a testi più specifici) per gli approfondimenti normativi. Linguaggio chiaro ma rigoroso, trattazione operativa, schemi sinottici e prontuari per ogni singola figura coinvolta nella sicurezza del cantiere creano un’opera di indispensabile consultazione, che fornirà tutte le soluzioni e gli spunti di approfondimento per affrontare qualunque situazione e risolverla in maniera efficiente ed efficace. Danilo G. M. De FilippoIngegnere meccanico, da sempre impegnato nella materia della sicurezza sui luoghi di lavoro, è stato insignito dell’Onorificenza di Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana. Ispettore Tecnico del Lavoro, appartenente all’Albo dei formatori per l’INL, è anche docente esterno ed autore di numerosi testi e pubblicazioni in materia di sicurezza sul lavoro oltre ad essere parte attiva nell’organizzazione di eventi per la più ampia diffusione della prevenzione degli incidenti sul lavoro.

Danilo G. M. De Filippo | Maggioli Editore 2023

Infortuni sul lavoro, dati aggiornati a maggio 2024

“Giunti quasi al giro di boa di metà anno, la proiezione per la fine del 2024 delle vittime sul lavoro sembra essere già tragica e simile a quella degli anni precedenti. Da gennaio a maggio 2024 si contano 369 vittime, 11 in più rispetto a fine maggio 2023. Rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso crescono purtroppo le morti in occasione di lavoro, del +5,5%. E questo è il dato più significativo e sconfortante, perché è quello che racconta un peggioramento delle condizioni di sicurezza nei luoghi di lavoro”.

Mauro Rossato, Presidente dell’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro e Ambiente Vega Engineering, esprime così la propria preoccupazione a seguito della lettura dell’ultima indagine elaborata dal proprio team di esperti sull’incremento dei decessi sul lavoro. “Ma come sempre – sostiene Rossato – è l’incidenza il vero indicatore di rischio per i lavoratori del nostro Paese, poiché si parla di vittime rispetto alla popolazione lavorativa. Un dato che indica concretamente le aree a maggior rischio e che si propone come mappatura preziosa per tutti coloro che operano per la sicurezza sul lavoro”.

Rischio di infortuni mortali, regione per regione

L’incidenza degli infortuni mortali indica il numero di lavoratori deceduti durante l’attività lavorativa in una data area (regione o provincia) ogni milione di occupati presenti nella stessa. Questo indice consente di confrontare il fenomeno infortunistico tra le diverse regioni, pur caratterizzate da una popolazione lavorativa differente.

A finire in zona rossa (incidenza infortunistica superiore al 125% dell’incidenza media nazionale) a fine maggio 2024, con un’incidenza superiore a +25% rispetto alla media nazionale (Im=Indice incidenza medio, pari a 12,1 morti sul lavoro ogni milione di lavoratori) sono, come abbiamo anticipato in apertura: Valle d’Aosta, Trentino-Alto Adige, Umbria, Campania, Emilia-Romagna, Sicilia e Puglia.

In zona arancione (incidenza infortunistica compresa tra il valore medio nazionale e il 125% dell’incidenza media nazionale): Calabria. In zona gialla (incidenza infortunistica compresa tra il 75% dell’incidenza media nazionale e il valore medio nazionale): Abruzzo, Liguria, Lombardia, Piemonte, Toscana, Basilicata, Friuli-Venezia Giulia e Molise. In zona bianca (incidenza infortunistica inferiore al 75% dell’incidenza media nazionale): Lazio, Sardegna, Marche e Veneto.

Fasce più a rischio: over 65 e stranieri

Anche nei primi cinque mesi dell’anno l’Osservatorio mestrino elabora l’identikit dei lavoratori più a rischio per fascia d’età. E lo fa sempre attraverso le incidenze di mortalità (per milione di occupati). Un dato, quest’ultimo, che continua ad essere preoccupante tra i lavoratori più anziani. Infatti, l’incidenza più elevata si registra nella fascia dei lavoratori ultrasessantacinquenni (con incidenza del 55,0), seguita dalla fascia di lavoratori compresi tra i 55 e i 64 anni (con incidenza pari a 19,4).

Gli stranieri deceduti in occasione di lavoro nei primi cinque mesi dell’anno sono 62 su un totale di 286, con un rischio di morte sul lavoro che risulta essere più che doppio rispetto agli italiani. E, infatti, gli stranieri registrano 26,1 morti ogni milione di occupati, contro i 10,6 degli italiani che perdono la vita durante il lavoro.

Infortuni mortali nel settore delle costruzioni

Alla fine dei primi cinque mesi del 2024 è ancora il settore delle Costruzioni a far rilevare il maggior numero di decessi in occasione di lavoro: sono 57. Il settore delle Costruzioni è seguito dalle Attività Manifatturiere (37), da Trasporti e Magazzinaggio (25) e dal Commercio (18). La fascia d’età numericamente più colpita dagli infortuni mortali sul lavoro nelle costruzioni è quella tra i 55 e i 64 anni (99 su un totale di 286).

Le donne che hanno perso la vita in occasione di lavoro a fine maggio 2024 sono 21, mentre 8 hanno perso la vita in itinere, cioè nel percorso casa-lavoro. Gli stranieri deceduti in occasione di lavoro sono 62, mentre sono 17 quelli deceduti a causa di un infortunio in itinere.

Il martedì risulta essere il giorno più luttuoso della settimana, ovvero quello in cui si sono verificati più infortuni mortali nei primi cinque mesi dell’anno (23,1%).

Denunce di infortunio in crescita, i dati a maggio 2024

Le denunce di infortunio totali crescono del 2,1% rispetto a maggio 2023. Erano, infatti, 245.857 a fine maggio 2023, nel 2024 sono passate a 251.132.

Anche a fine maggio del 2024 il più elevato numero di denunce totali arriva dalle Attività Manifatturiere (29.256); seguono: Costruzioni (14.469), Sanità (14.370), Trasporto e Magazzinaggio (13.266) e Commercio (12.911). Qualche altro dato sulle denunce di infortunio:

  • Le denunce di infortunio delle lavoratrici a maggio 2024 sono state 91.441, quelle dei colleghi uomini 159.691.
  • Le denunce di infortunio in occasione di lavoro (esclusi dunque gli infortuni in itinere) sono state 212.803 a fine maggio 2024: 72.241 sono le donne e 140.562 gli uomini.
  • Le denunce di infortunio in occasione di lavoro degli italiani sono 171.584, mentre degli stranieri sono 41.219.
  • La fascia di età più colpita in occasione di lavoro e in itinere è quella che va dai 45 ai 54 anni con 53.420 denunce (il 21,3% del totale).

Scarica qui le statistiche elaborate dall’Osservatorio Vega

Statistiche Province maggio 2024.pdf 265 KB
Statistiche Italia maggio 2024.pdf 1 MB

Iscriviti alla newsletter per poter scaricare gli allegati

Grazie per esserti iscritto alla newsletter. Ora puoi scaricare il tuo contenuto.

Articolo tratto dal comunicato dell’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro e Ambiente Vega Engineering.

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento