Il Salva-Casa in pillole: da ANCE una tabella riassuntiva e la nota tecnica di commento

ANCE ha realizzato una tabella riassuntiva ed una nota tecnica di commento dove vengono messe in evidenza le nuove misure del Salva-Casa. Ecco un riepilogo sulle novità in vigore dal 30 maggio 2024

Scarica PDF Stampa

Il Decreto Salva-Casa è in vigore dal 30 maggio 2024. Con la pubblicazione in Gazzetta vengono introdotte nuove misure che modificato il Testo Unico dell’Edilizia.

Cosa cambia? Quali sono le principali novità?

ANCE ha realizzato un’utile tabella riassuntiva ed una nota tecnica di commento dove vengono messe in evidenza le nuove misure in materia di: edilizia libera, stato legittimo, tolleranze cambi d’uso, accertamento di conformità, alienazione immobili abusivi, strutture amovibili temporanee realizzate durante il periodo di emergenza Covid-19.

>> Vorresti ricevere news come questa? Clicca qui, gratis

Indice

La tabella riassuntiva e la nota tecnica di commento ANCE

Ecco un breve riepilogo su cosa prevede il Salva-Casa. La tabella riassuntiva e la nota tecnica di commento ANCE sono scaricabili a fine paragrafo.

Edilizia libera – Riconosciuta la possibilità di chiudere porticati con strutture VEPA (Vetrate Panoramiche Amovibili), rendendo così più semplici gli interventi per migliorare gli spazi abitativi senza necessità di permessi edilizi. Consentita inoltre, in edilizia libera, l’installazione di opere destinate per la protezione dal sole o da agenti atmosferici.

Verifica dello stato legittimo – La verifica dello stato legittimo di un immobile è stata semplificata. Ora può essere comprovata non solo dal titolo che ha legittimato l’ultimo intervento edilizio, ma anche da tutti i titoli rilasciati in sanatoria, a condizione che siano state pagate le relative sanzioni. Inoltre, le dichiarazioni del tecnico sulle tolleranze costruttive sono accettate come prova.

Tolleranze costruttive
– Per gli interventi realizzati entro il 24 maggio 2024, la tolleranza costruttiva è stata riparametrata. La soglia del 2% è stata adattata in funzione della superficie utile dell’unità immobiliare, variando dal 2% al 5%. In questi casi, se l’immobile è soggetto a vincolo paesaggistico, non è necessaria l’autorizzazione paesaggistica. Sono state specificate anche alcune casistiche rientranti nelle tolleranze geometriche. È importante notare che queste tolleranze non devono limitare i diritti dei terzi e eventuali limitazioni devono essere verificate dal tecnico.

Cambi d’uso – Il cambio d’uso senza opere all’interno della stessa categoria funzionale (cambio “orizzontale”) è sempre consentito mediante SCIA, rispettando le normative di settore. Anche il cambio d’uso tra diverse categorie funzionali (cambio “verticale”) è consentito nelle zone A, B e C, se conforme alla forma di utilizzo prevalente nell’immobile. Per le unità immobiliari al piano terra, il cambio è consentito solo nei casi previsti dal piano urbanistico e regolamento edilizio, senza necessità di reperimento di standard o parcheggi.

Accertamento di conformità – Viene superata la doppia conformità urbanistica e edilizia per gli interventi eseguiti in parziale difformità dal PdC o dalla SCIA alternativa a PdC, e per quelli eseguiti in assenza o difformità dalla SCIA. È sufficiente provare la conformità urbanistica al momento della domanda e la conformità edilizia all’epoca della realizzazione. Inoltre, viene introdotto il meccanismo del silenzio-assenso se il Comune non si esprime entro 45 giorni per il permesso in sanatoria e 30 giorni per la SCIA in sanatoria. È sempre previsto il pagamento di una sanzione pecuniaria.

Alienazione di immobili abusivi– Gli immobili con opere abusive possono essere alienati dal Comune, previo parere delle autorità competenti e a condizione che l’acquirente rimuova le opere abusive, se queste non contrastano con rilevanti interessi urbanistici, culturali, paesaggistici o ambientali.

Strutture amovibili temporanee realizzate durante il Covid-19 – Le strutture amovibili realizzate durante l’emergenza Covid-19 possono essere mantenute oltre i 180 giorni previa CILA, se rispettano le prescrizioni urbanistiche comunali e sono utilizzate per finalità sanitarie, assistenziali o educative, dimostrando la necessità del loro utilizzo continuato.

Scarica la tabella riassuntiva ANCE
Scarica la nota tecnica di commento ANCE

Scopri lo speciale Salva-Casa

Abbiamo raccolto in redazione tutte le novità sul Decreto Salva-Casa in uno speciale dedicato, dove è possibile approfondire le principali tematiche.

Clicca qui e leggi lo speciale sul Piano Salva-Casa

Redazione Tecnica

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento