L’Europa approva il Decreto CER, previsti: tariffa incentivante e contributo a fondo perduto

La potenza finanziabile è pari a cinque Gigawatt complessivi, con un limite temporale a fine 2027. I benefici sono riconosciuti per tutte le tecnologie rinnovabili, quali ad esempio: il fotovoltaico, l’eolico, l’idroelettrico e le biomasse

Scarica PDF Stampa
Il Decreto CER (Comunità Energetiche Rinnovabili) è sempre più vicino! L’approvazione da parte della Commissione Europea dell’atteso provvedimento, che disciplina l’incentivazione alla diffusione dell’autoconsumo di energia da fonti rinnovabili, è stata comunicata attraverso una nota ufficiale sul sito del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica.

Il MASE ha poi reso disponibile una breve presentazione del Decreto CER in arrivo che prevede l’attuazione di:

  • una tariffa incentivante sull’energia rinnovabile prodotta e condivisa e
  • un contributo a fondo perduto.

La potenza finanziabile è pari a cinque Gigawatt complessivi, con un limite temporale a fine 2027. I benefici sono riconosciuti per tutte le tecnologie rinnovabili, quali ad esempio: il fotovoltaico, l’eolico, l’idroelettrico e le biomasse. Per le Comunità Energetiche Rinnovabili, i destinatari del provvedimento possono essere: gruppi di cittadini, condomìni, piccole e medie imprese, ma anche enti locali, cooperative, associazioni ed enti religiosi. La potenza dei singoli impianti non può superare il Megawatt.

>> Vorresti ricevere news come questa? Clicca qui, è gratis

Vediamo nello specifico quali sono le misure previste e che verranno disciplinate con il Decreto CER in arrivo.

Leggi anche: Comunità Energetiche Rinnovabili CER: online la mappa GSE interattiva delle cabine primarieComunità energetiche rinnovabili CER: il Fisco fa il punto su normativa e prassi

Decreto CER: incentivo in tariffa

La misura che interessa l’incentivo in tariffa è rivolta a tutto il territorio nazionale: dal piccolo comune alla città metropolitana.

Previsto il risparmio sui costi dell’energia per chi costituisce una Comunità, tariffa incentivante sull’energia condivisa.

Potrebbe interessarti: Comunità energetiche rinnovabili: gli ostacoli che ne compromettono lo sviluppo

Decreto CER: contributo a fondo perduto

Il contributo a fondo perduto è rivolto ai territori dei Comuni sotto i 5 mila abitanti. Contributo fino al 40% dell’investimento per chi crea una Comunità Energetica.

La potenza agevolabile è di almeno 2 GW fino al 30 giugno 2026 ed è cumulabile con incentivo in tariffa.

Le risorse PNRR sono pari a 2,2 miliardi di euro.

Leggi anche: Comunità Energetiche Rinnovabili e compatibilità tra Bonus Ristrutturazione e Ritiro Dedicato

Come accedere alle agevolazioni

Gli step per poter accedere alle agevolazioni sono:

  1. individuazione area dove realizzare l’impianto e altri utenti con cui associarsi connessi
    alla stessa cabina primaria;
  2. creazione CER con uno Statuto o un atto costitutivo, che abbia come oggetto sociale
    prevalente i benefici ambientali, economici e sociali;
  3. verifica facoltativa in via preliminare con il Gestore Servizi Energetici (GSE) se
    il progetto può essere ammesso all’incentivo;
  4. ottenimento dell’autorizzazione a installare e connettere l’impianto alla rete, per
    renderlo operativo;
  5. richiesta incentivo al GSE.

Non perderti: Il Superbonus fotovoltaico e le Comunità Energetiche: rapporto tra detrazioni edilizie e CER

Decreto CER: Italia apripista, si aprono nuovi scenari

Il Ministro Pichetto Fratin ha dichiarato: “Siamo di fronte a una svolta, a una nuova fase storica nel rapporto tra cittadini ed energia. Ora le Comunità energetiche rinnovabili potranno diventare una realtà diffusa nel Paese, sviluppando le fonti rinnovabili e rendendo finalmente il territorio protagonista del futuro energetico nazionale. Grazie alle Comunità energetiche, infatti, ciascun cittadino potrà contribuire alla produzione di energia rinnovabile, e averne i benefici economici derivanti dall’autoconsumo, pur non disponendo direttamente degli spazi necessari alla realizzazione degli impianti FER”.

Il Ministro MASE precisa anche: “Per la sua unicità, il provvedimento italiano ha richiesto una forte attenzione della Commissione Europea, che ha comunque pienamente validato il modello italiano: oggi questo rappresenta dunque un apripista per altre esperienze nel Continente”.

Marco Bussone, Presidente nazionale Uncem ha così commentato la notizia: “L’ok di Bruxelles al Decreto italiano di incentivazione alla diffusione dell’autoconsumo di energia da fonti rinnovabili apre nuovi scenari importanti. Molti Enti montani in Italia e molti raggruppamenti di cittadini sono pronti, altri si uniranno. Le tariffe incentivanti sono positive così come daremo il nostro supporto al Ministero per la costruzione del bando per incentivare gli impianti, con le risorse previste dal PNRR che stanzia 2,2 miliardi di euro per le comunità realizzate nei Comuni con meno di 5mila abitanti con un contributo a fondo perduto fino al 40% dei costi ammissibili in relazione all’investimento effettuato per realizzare un nuovo impianto o per potenziarne uno esistente. Non solo fotovoltaico. Abbiamo più volte affermato che sono importantissimi, nelle Alpi e negli Appennini, eolico, biomasse e idroelettrico”.

Hai già visitato la sezione Risorse Gratuite di Ediltecnico?
Qui trovi ebook e corsi online utili per la professione

Per saperne di più sulle CER, consigliamo il volume

Le Comunità Energetiche Rinnovabili

Uno dei pilastri della transizione energetica europea si fonda sullo sviluppo delle Comunità Energetiche Rinnovabili (e più in generale dell’autoconsumo diffuso), soggetti aggregati che rappresentano la vera rivoluzione verso una produzione elettrica decentrata da fonti rinnovabili.Ma come si forma esattamente una comunità energetica o un gruppo di autoconsumo e, soprattutto, che passaggi e documenti sono necessari per costituirla?Il libro ripercorre tutta l’evoluzione europea e italiana del quadro normativo e regolatorio, esaminando proprio il ruolo delle Comunità di Energia Rinnovabile (c.d. CER) nella transizione energetica.Saranno esplorati gli aspetti legali, amministrativi e fiscali per la costituzione e gestione delle CER, corredati con modelli e formulari allegati alla pubblicazione.Quest’opera si configura anche come un manuale pratico di consultazione e approfondimento sulle procedure tecnico-amministrative necessarie per costruire e gestire un impianto fotovoltaico e ha l’obiettivo di fornire uno strumento utile all’operatore (pubblico e privato) che sia chiamato a realizzare concretamente una Comunità Energetica, accelerando la sua diffusione in Italia.Lucio BerardiAvvocato Cassazionista con doppia laurea in Giurisprudenza ed Economia conseguite presso l’Università di Bologna. Ha maturato una significativa esperienza legale in ambito urbanistico-edilizio, nel contenzioso amministrativo (TAR, Consiglio di Stato e Corte dei Conti) e tributario. Ha ricoperto il ruolo di Presidente e Amministratore Delegato di società partecipate pubblico-private. È Founder e Head of Legal di Go Global Group srl, società che si occupa dello sviluppo di progetti multidisciplinari in ambito di energie rinnovabili per primarie aziende del settore e Pubbliche Amministrazioni.

Lucio Berardi | 2023 Maggioli Editore

31.00 €  29.45 €

Foto:iStock.com/Mikel Bilbao Gorostiaga

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento