Come annullare opzioni Compensazione F24 e Spalma crediti edilizi: le istruzioni

L’Agenzia delle Entrate spiega come fare per richiedere l’annullamento delle opzioni per l’utilizzo in compensazione tramite F24 e per la ripartizione in 10 rate dei crediti da bonus edilizi

Scarica PDF Stampa
L’Agenzia delle Entrate ha emanato un provvedimento che illustra la possibilità di richiedere l’annullamento delle opzioni per l’utilizzo in compensazione, tramite F24, e per la ripartizione in 10 rate dei crediti edilizi residui.

Le istruzioni per le modalità di annullamento di compensazione o rateazione dei bonus – attive dal 5 ottobre 2023 – si sono rese necessarie in considerazione delle richieste pervenute dai fornitori e cessionari titolari dei crediti che avevano erroneamente inviato le comunicazioni.

>> Vorresti ricevere news come questa? Clicca qui, è gratis

A partire dal prossimo 5 ottobre sarà quindi disponibile sulla Piattaforma cessione crediti, nell’area riservata del sito di Entrate, l’apposita funzionalità per richiedere l’annullamento delle opzioni per l’utilizzo in compensazione, tramite F24, dei bonus edilizi tracciabili.

Sarà inoltre possibile annullare la ripartizione in dieci rate dei crediti residui (l’opzione cosiddetta “spalma crediti“), inviando all’Agenzia l’apposito modello compilato (“Richiesta di annullamento della ripartizione in dieci rate annuali dei crediti residui” >> scaricalo qui) tramite PEC. Successivamente anche questa operazione potrà essere effettuata attraverso una specifica funzionalità della Piattaforma cessione crediti.

Leggi anche Manuale Piattaforma cessione crediti: tutte le opzioni riassunte in uno schema

Annullamento opzione “spalma crediti”

Il titolare dei crediti ha ora quindi la possibilità di annullare la comunicazione di ripartizione in dieci rate annuali dei crediti residui derivanti dalla cessione o dallo sconto in fattura, le cui modalità sono state definite dal provvedimento del 18 aprile 2023 (>> ne abbiamo parlato qui).

L’annullamento sarà possibile tramite l’apposito servizio, di prossima attivazione, sulla Piattaforma cessione crediti. Nelle more i contribuenti dovranno utilizzare il modello “Richiesta di annullamento della ripartizione in dieci rate annuali dei crediti residui” allegato sopra, compilato e sottoscritto digitalmente o con firma autografa dal titolare del credito (in caso di firma autografa deve essere allegata copia del documento di identità). Come anticipato, il modello deve essere trasmesso tramite posta elettronica certificata PEC, all’indirizzo annullamentoaccettazionecrediti@pec.agenziaentrate.it.

Entrate specifica che l’esito della richiesta verrà fornito entro 30 giorni. L’accoglimento della richiesta prevede la riduzione dell’ammontare dei crediti fruibili risultante dalla ripartizione in dieci rate. È previsto inoltre il ripristino dell’ammontare della rata del credito originario, a cui saranno attribuiti il codice tributo, l’anno di riferimento e la scadenza che aveva prima della ripartizione in dieci rate.

Leggi anche Cessione credito e sconto in fattura, regole e deroghe: un riepilogo

Annullamento compensazione tramite F24

Anche in relazione all’opzione per l’utilizzo in compensazione dei crediti tracciabili, come detto, il provvedimento di Entrate prevede la possibilità di annullamento della richiesta: a partire dal 5 ottobre 2023 sarà infatti disponibile, sulla Piattaforma cessione crediti, la funzione per richiedere l’annullamento di tale opzione per l’intero importo di una o più rate.

L’accoglimento dell’annullamento comporta la riduzione dell’ammontare dei crediti fruibili per i quali era stata comunicata l’opzione per l’utilizzo in compensazione, con conseguente facoltà di cessione delle relative rate.

>> Tutti i dettagli nel provvedimento di Entrate scaricabile qui <<

Consigliamo

I bonus casa 2024: guida alle agevolazioni e alle detrazioni in edilizia – e-Book in pdf

Questo pratico eBook si rivolge ai cittadini, ai professionisti e a chiunque voglia essere aggiornato e informato sulle agevolazioni fiscali per la casa e l’edilizia valide per il 2024 e per i prossimi anni.Risponde a diverse domande. Quali sono i bonus sono ancora disponibili, se si desidera iniziare i lavori dal 1° gennaio 2024? Quali interventi edilizi sono agevolabili e con quali massimali di spesa? Quali sono le scadenze imminenti e quali quelle più a lungo respiro?Si illustrano i meccanismi dello sconto in fattura e della cessione del credito, indicando per ognuno di questi strumenti a quali bonus possono essere applicati e con quali modalità e accortezze.Il testo è aggiornato alle norme del decreto 212/2023 (c.d. Decreto SuperBonus) e propone diverse decine di casi studio e di quesiti risolti, che abbracciano tutti i tipi di bonus attualmente disponibili: il “vecchio” 110% ancora disponibile per una platea selezionata di utenti; il “nuovo” Super Bonus con le regole attuali; il Bonus Casa 50%; l’Ecobonus al 50%-65%; il bonus 75% per l’abbattimento delle barriere architettoniche; il Sisma Bonus per il miglioramento della sicurezza statica e strutturale degli edifici. Vengono presi in considerazione anche i bonus “accessori” come il Bonus Mobili e il Bonus Verde.Il testo è arricchito da numerose tabelle di riepilogo e chiarimento che guidano il lettore e lo aiutano ad orientarsi nel complesso mondo delle detrazioni edilizie e dei bonus collegati.Antonella DonatiÈ giornalista professionista, ha al suo attivo diversi anni di giornalismo parlamentare con particolare attenzione all’approvazione delle misure di carattere finanziario e alle manovre di bilancio. In questo ambito si occupa espressamente di tematiche fiscali, contributive e previdenziali. È autrice di numerosi volumi, articoli e saggi in materia  

Antonella Donati | 2024 Maggioli Editore

18.90 €  16.07 €

Immagine: iStock/No-Mad

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento