Decreto Fondone PNRR: nuove risorse per Eco e Sisma Bonus

Con il Fondo Complementare PNRR sono stanziate risorse che vanno ad integrare gli interventi del Piano Nazionale, per oltre 30 milioni di euro per gli anni dal 2021 al 2026

Simona Conte 11/05/21
Scarica PDF Stampa

È in Gazzetta Ufficiale n. 108 del 7 maggio 2021 il decreto legge 6 maggio 2021, n. 59 recante “Misure urgenti relative al Fondo complementare al Piano nazionale di ripresa e resilienza e altre misure urgenti per gli investimenti”.

Con il Fondo Complementare PNRR, detto anche “fondone”, finanziato attraverso lo scostamento pluriennale di bilancio approvato nel Consiglio dei ministri del 15 aprile 2021, sono stanziate risorse nazionali che vanno ad integrare gli interventi del Piano nazionale di ripresa e resilienza per complessivi 30.622,46 milioni di euro per gli anni dal 2021 al 2026.

Nello specifico, il dl n. 59-2021 stabilisce la ripartizione del fondone da 30,6 miliardi finalizzato ad integrare con risorse nazionali il PNRR. Le risorse sono destinate anche al superbonus, alle opere infrastrutturali, passando per il piano Transizione 4.0.

A proposito di Superbonus, attraverso il decreto fondone PNRR oltre al rifinanziamento del Fondo sviluppo e coesione (FSC) 2021-2027, sono previste nuove risorse per la super agevolazione. Oltre 5 miliardi sono diretti al Piano Transizione 4.0, in aggiunta agli oltre 13 miliardi già destinati ai crediti d’imposta dal Recovery, e fondi per l’alta velocità Salerno-Reggio Calabria e Verona-Padova.

UTILE!! Stai lavorando come tecnico-asseveratore? Ti consigliamo la guida completa e operativa Asseverazioni del tecnico per il Superbonus 110% aggiornata ad aprile 2021 con le note ENEA illustrate e commentate

Fondone complementare PNRR e recovery fund: che differenza c’è?

Il fondone complementare PNRR è una misura nazionale ma che segue il modello del piano comunitario e sfrutta le semplificazioni procedurali previste dal Next Generation EU.

La differenza tra i due sta negli obblighi di rendicontazione: per il fondone complementare PNRR non è previsto nessun obbligo di rendicontazione a Bruxelles e in casi particolari gli interventi potrebbero beneficiare di scadenze che vanno oltre il 2026.

>> Non perderti nessun articolo! Ricevi le nostre news

Dove sono destinate le risorse del fondo complementare?

Analizzando il piano nel dettaglio, le risorse nazionali del fondone complementare saranno ripartite tra:

  • servizi digitali e cittadinanza digitale – Piattaforma PagoPA e App “IO”;
  • tecnologie satellitari ed economia spaziale;
  • riqualificazione edilizia residenziale pubblica;
  • interventi per le aree del terremoto;
  • Ecobonus e Sismabonus;
  • infrastrutture e mobilità sostenibili (rinnovo flotte, bus, treni e navi verdi) per la sostenibilità ambientale dei porti e il miglioramento dell’accessibilità e della sicurezza delle strade;

>>> Conosci le missioni del PNRR legate a Superbonus e edilizia? Le spieghiamo qui

  • investimenti strategici sui siti del patrimonio culturale, edifici e aree naturali e per altri interventi in materia;
  • salute, ambiente e clima; ospedale sicuro e sostenibile; ecosistema innovativo della salute;
  • case dei servizi di cittadinanza digitale; transizione 4.0; accordi per l’innovazione;
  • costruzione e miglioramento di padiglioni e spazi per strutture penitenziarie per adulti e minori
  • contratti di filiera e distrettuali per i settori agroalimentare, pesca e acquacoltura, silvicoltura, floricoltura e vivaismo;
  • iniziative di ricerca per le tecnologie e percorsi innovativi in ambito sanitario e assistenziale.

Il decreto introduce un incremento di 15.500 milioni di euro della dotazione del Fondo per lo sviluppo e la coesione, periodo di programmazione 2021-2027.

Le risorse per Eco e Sisma Bonus

Sono di oltre 4,5 miliardi di euro, le risorse dedicate alla proroga del superbonus 110%. Ne abbiamo parlato meglio in questo articolo > Scadenza Superbonus diversa per edifici unifamiliari e condomini <

Nello specifico, le risorse stanziate per Ecobonus e il Sismabonus fino al 110% sono investimenti complementari alla strategia PNRR della Missione 2 – Rivoluzione verde e transizione ecologica – Componente 3 – Efficienza energetica e riqualificazione degli edifici.

Non perderti: Super Sismabonus e contributi per la ricostruzione sono cumulabili

Le risorse per le infrastrutture e la mobilità sostenibile

Le risorse stanziate per le infrastrutture e la mobilità sostenibile  sono investimenti complementari alla strategia PNRR della Missione 3 Infrastrutture per una mobilità sostenibile – Componente 1 – Alta velocità ferroviaria e manutenzione stradale 4.0.

La misura è quella delle “Strade Sicure” che prevede:

  • l’implementazione di un sistema di monitoraggio dinamico per il controllo da remoto di ponti, viadotti e tunnel (A24-A25) – 150 milioni di euro per ciascuno degli anni 2021 e 2022, 90 milioni di euro per l’anno 2023, 337 milioni di euro per l’anno 2024, 223 milioni di euro per l’anno 2025 e 50 milioni di euro per l’anno 2026;
  • l’implementazione di un sistema di monitoraggio dinamico per il controllo da remoto di ponti, viadotti e tunnel (ANAS) – 25 milioni di euro per l’anno 2021, 50 milioni di euro per l’anno 2022, 100 milioni di euro per ciascuno degli anni 2023, 2024 e 2025 e 75 milioni di euro per l’anno 2026.

> SEI INTERESSATO ALLE  infrastrutture STRADALI E AUTOSTRADALI? Non perdere Passaggi Sicuri 2021 <

Ti consigliamo

Guida tecnica per il super sismabonus e il super ecobonus 110% – Libro

Questa guida si configura come un vero e proprio prontuario di riferimento per i tecnici, chiamati a studiare e ad applicare, per la propria committenza, gli interventi di miglioramento strutturale antisismico e di efficientamento energetico degli edifici nell’ambito delle agevolazioni fiscali del 110% (i c.d. Super Sismabonus e Super Ecobonus introdotti con il decreto Rilancio). L’opera è divisa in due parti. La prima parte, a cura di Andrea Barocci, riporta tutte e tre le possibilità di detrazione legate agli interventi strutturali: il bonus ristrutturazione, il sismabonus, il superbonus. Per ciascuno di essi si offre la disamina della nascita e delle possibilità di applicazione, al fine di comprenderne lo scopo e le condizioni al contorno, compreso il tema delicato delle asseverazioni. In parallelo alla possibilità fiscale, si affronta l’allineamento con le Norme Tecniche delle Costruzioni in quanto, al di là delle detrazioni, ogni intervento dovrà essere inquadrato all’interno di un procedimento edilizio ai sensi del d.P.R. 380/2001. La seconda parte, a cura di Sergio Pesaresi, tratta il tema del Super Ecobonus, suddividendo il percorso progettuale, per la parte finalizzata alla detrazione, in due fasi operative: lo studio di fattibilità e il progetto preliminare. Con lo studio di fattibilità il progettista potrà verificare preliminarmente, passo per passo, se l’edificio e i committenti possiedono i requisiti richiesti dall’art. 119 del decreto Rilancio per l’accesso alla detrazione. Nella seconda fase operativa il progettista comincerà a redigere il progetto preliminare che, combinando in modo oculato i mezzi messi a disposizione dal decreto Rilancio, dovrà soddisfare i requisiti tecnici previsti.   Andrea BarocciIngegnere, Fondatore di IDS-Ingegneria Delle Strutture, si occupa di strutture e rischio sismico sia in ambito professionale che come componente di Organi Tecnici, Comitati, Associazioni. Autore di pubblicazioni in materia e docente in numerosi corsi e seminari.Sergio PesaresiIngegnere civile, Progettista specializzato in costruzioni ecosostenibili e di bio-architettura. Consulente e Docente dell’Agenzia CasaClima di Bolzano. Progettista di case passive certificato dal Passvhaus Institut di Darmstadt (D) e accreditato presso il PHI-Ita di Bolzano. Supervisor della Fondazione ClimAbita e SouthZeb designer. Tecnico base di ARCA e Tecnico ufficiale Biosafe. Studioso delle tematiche del Paesaggio e della Mobilità Sostenibile. Docente in corsi di aggiornamento professionale e consulente di Fisica Edile.

Andrea Barocci, Sergio Pesaresi (a cura di) | 2020

20.00 €  19.00 €

La sicurezza dei ponti stradali esistenti

L’approvazione ad aprile 2020 delle Linee Guida per la verifica e il monitoraggio dei ponti stradali esistenti impegna le amministrazioni, gli enti gestori e i professionisti a fare un balzo in avanti per il miglioramento del nostro patrimonio infrastrutturale.Un testo all’avanguardia che va dalla conoscenza al monitoraggio passando per le normative tecniche, con analisi multilivello per tenere conto anche di parametri sociali ed economici. Uno strumento fondamentale per aumentare la conoscenza, la consapevolezza e aiutare nelle scelte, necessarie e spesso coraggiose, sui nostri ponti esistenti.Il volume è corredato dal testo integrale delle Linee Guida del Consiglio superiore dei lavori pubblici comprensivo di indice sistematico, inoltre, associato al manuale vengono fornite le schede editabili in formato Excel relative all’allegato B (schede ispezione ponti di livello 1).Andrea BarocciIngegnere, fondatore di IDS-Ingegneria Delle Strutture, si occupa di strutture e rischio sismico sia in ambito professionale che come componente di Organi Tecnici, Comitati, Associazioni. Autore di pubblicazioni in materia e docente in numerosi corsi e seminari. Le schede allegate in Excel sono state realizzate da Matteo Vandi, laureato in Ingegneria civile, con una predisposizione sviluppata durante il percorso di studi per le strutture e ponti e una particolare attitudine al calcolo automatico.

Andrea Barocci | 2020 Maggioli Editore

54.00 €  51.30 €

Foto: iStock.com/oatawa

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento