Antincendio autorimesse da 300 a 1000 mq: c’è tempo fino al 7 ottobre

Scarica PDF Stampa

È fissato al 7 ottobre 2016 la data ultima per regolarizzare ai fini antincendio le autorimesse con superficie compresa tra 300mq e 1000mq.

Con il Decreto Milleproroghe 2015 veniva data un’ulteriore proroga fissato al 7 ottobre 2016 la scadenza per redigere la SCIA antincendio per le autorimesse soggette ai relativi controlli dal DPR 151/2011.

Con l’entrata in vigore del DPR 151/2011, variano le attività soggette ai controlli di prevenzione incendi, infatti l’allegato A del DPR 151/2011, sostituisce il DM 16 febbraio 1982, cambiando il numero di attività soggette e i loro requisiti di assoggettabilità.

Cosa cambia

Con il DM 16 febbraio 1982 erano soggette ai controlli di prevenzione incendi le “Autorimesse private con più di 9 autoveicoli, autorimesse pubbliche, ricovero natanti, ricovero aeromobili”.

Il DPR 151/2011, pone come requisito di assoggettabilità la superficie, e non più la quantità di autoveicoli presenti.

Estratto allegato A DPR 151/2011

N. Attività Descrizione CAT. A CAT. B CAT. C
7 5 Autorimesse pubbliche e private, parcheggi pluriplano e meccanizzati di superficie complessiva coperta superiore a 300 mq; locali adibiti al ricovero di natanti ed aeromobili di superficie superiore a 500 mq; depositi di mezzi rotabili (treni, tram ecc.) di superficie coperta superiore a 1.000 mq. Autorimesse fino a 1.000 mq. Autorimesse oltre 1.000 mq e fino a 3.000 mq; ricovero di natanti ed aeromobili oltre 500 mq e fino a 1000 mq. Autorimesse oltre 3000 mq; ricovero di natanti ed aeromobili di superficie oltre i 1000 mq; depositi di mezzi rotabili.

La proroga per le autorimesse vale solo per quelle di CATEGORIA A, in quanto per quelle di categoria B e C la data fissata dal Decreto Milleproroghe 2015 era il 1° novembre 2015, per la presentazione di un progetto di adeguamento da sottoporre al comando provinciale competente come previsto dall’art. 3 del DPR 151/2011.

Responsabilità e sanzioni

Colui che è tenuto a presentare la documentazione è in via generale il titolare dell’attività. Normalmente, le autorimesse sono di proprietà di condomini, in questo caso il responsabile è l’amministratore di condominio il quale deve presentare una delibera per l’adeguamento e regolarizzazione dell’autorimessa rispetto alla normativa di prevenzione incendi.

Le sanzioni per chi non si regolarizza sono esplicitate nel decreto legislativo 8 marzo 2006 n. 139, il quale all’art. 20 prevede: “chiunque in qualità di titolare di una delle attività soggette al rilascio del certificato di prevenzione incendi, ometta di richiedere il rilascio o il rinnovo del certificato medesimo è punito con l’arresto sino ad un anno o con l’ammenda da 258 euro a 2582 euro […]”.

Chi puo’ redigere la documentazione?

Le certificazioni e asseverazioni da presentare in allegato alla SCIA antincendio devono essere redatte da un professionista antincendio, ovvero un tecnico iscritto all’albo del Ministero degli interni ex legge 818/84.

Nel numero 2/2016 della rivista Progetto Sicurezza (Maggioli Editore) è possibile leggere l’articolo completo in cui verranno presi in considerazione i requisiti costruttivi delle autorimesse, le metodologie di stima delle resistenza al fuoco degli elementi e gli elaborati da redigere per la presentazione della SCIA antincendio.

Prevenzione incendi – Le nuove norme tecniche del d.m. 3 agosto 2015

L’ebook presenta le novità introdotte dal d.m. 3 agosto 2015. Il decreto, frutto di un lungo processo di elaborazione da parte del Ministero, è orientato a semplificare e razionalizzare l’attuale corpo normativo relativo alla prevenzione degli incendi mediante l’introduzione di un unico testo organico e sistematico, contenente disposizioni applicabili a molte delle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi, indicate all’allegato I del decreto del Presidente della Repubblica 1° agosto 2011, n. 151. Una delle caratteristiche peculiari del nuovo testo è senz’altro quella relativa all’utilizzo di un nuovo approccio metodologico, più aderente al progresso tecnologico e agli standard internazionali. Questa agile Guida di aggiornamento analizza punto per punto il nuovo decreto ministeriale, strutturato in cinque articoli, con l’aggiunta di un corposo allegato tecnico. L’articolato specifica le attività cui potrà essere applicata la nuova normativa e precisa, anche, le modalità di adozione della nuova metodologia introdotta in alternativa alle vigenti disposizioni di prevenzione incendi, per consentire l’introduzione del nuovo approccio con la necessaria gradualità. Tra i temi analizzati vanno segnalati l’approvazione e le modalità applicative delle norme tecniche di prevenzione incendi, l’impiego dei prodotti per uso antincendio ed il monitoraggio dell’applicazione delle norme tecniche. L’allegato tecnico è invece strutturato in quattro sezioni. Eccole elencate in sintesi:- Sezione G (Generalità) i principi fondamentali per la progettazione della sicurezza antincendio, applicabili indistintamente alle diverse attività;- Sezione S (Strategia antincendio): contiene le misure antincendio di prevenzione, protezione e gestionali applicabili alle diverse attività, per comporre la strategia antincendio al fine di ridurre il rischio di incendio;- Sezione V (Regole tecniche verticali): contiene le regole tecniche di prevenzione incendi applicabili a specifiche attività o ad ambiti di esse, le cui misure tecniche previste sono complementari o integrative a quelle generali previste nella sezione “Strategia antincendio”. Tale sezione sarà nel tempo implementata con le regole tecniche riferite ad ulteriori attività;- Sezione M (Metodi): con la descrizione delle metodologie progettuali. Antonio Massimiliano Lommano, Ingegnere libero professionista, membro della Commissione Sicurezza Antincendio dell’Ordine Ingegneri di Milano.

A. M. Lommano | 2015 Maggioli Editore

7.90 €  6.72 €

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento